Medicina Popolare

TRACKLIST

Piani validi
PLAY
Terra ca nun senti
PLAY
Chiddu ca si rici (feat. lello analfino)
PLAY
Time flies away
PLAY
Anime animali
PLAY
VI canto
PLAY
Melodie etniche
PLAY
Amigdala
PLAY
C'è poco da ridere
PLAY
Il Sultano di Arusha
PLAY
Tresettembreduemilaundici
PLAY

PIANI VALIDI

LEGGI IL TESTO
Partito spinto da motivi nobili / con quelli che sembravano piani validi / e invece dopo si rivelarono i più fragili / imparammo a passeggiare sulle sabbie mobili / sai siamo persone difficili / noi respiriamo deboli / ma dentro siamo forti come pugili / tratteniamo il fiato in balia del fato / soli contro un muro di cemento armato / sarà che il bene che le vuole è illimitato / sarà che lei fa la puttana e lui rimane inappagato / e credimi se ti dico cose tipo che ho scordato un paio di cose nell'edipo / e i tentativi di portarle indietro / a volte mi rimbalzano come parole sopra un archetipo / presto per dire stanco ma il contrario manco / combatto sempre in prima fila e siedo sempre a primo banco / anche se il cielo che era azzurro si fa bianco // Ribelle per le strade mi nascondo / fuggiasca per le vie io sarò / ogni istante non ha tempo / ogni corsa è controvento / le ingiustizie dietro l’angolo vedrò / vendo cara la mia pelle / non c’è prezzo per la gente / la mia mente sempre libera sarà / mi circondo di mercanti / ballerini e musicanti / ogni pezzo ha il suo valore lo si sa / vendo cara la mia pelle / non c’è prezzo per la gente / la mia mente sempre libera sarà / mi circondo di mercanti/ ballerini e musicanti / ogni pezzo ha il suo valore lo si sa / ribelle per le strade mi nascondo / fuggiasca per le vie io sarò / ogni istante non ha tempo / ogni corsa è controvento / le ingiustizie dietro l’angolo vedrò // In lungo e largo per le vie della città / tendenzialmente tendo a tendere una mano a chi la porge per necessità / imparai / dalla visione olistica il gusto del particolare / fuggiasco da quando capì che l’esistenza equivale a resistenza / alla vita non basta dare confidenza / ma persistenza / pertinenza e congruenza/ hai mai provato a sbirciare le ingiustizie dietro l’angolo / si / puoi e da quel momento la tua pelle sempre cara venderai pensa che / io mi circondo di guerrieri e me la vivo con la biro / oggi come ieri tra mercanti / saltimbanco / truffatori e nati stanchi già / da tempo immemore / rifiutai ogni perversione fatta di gansta / non è una svista / solo visione contrapposta alla visione angusta di vivere desiderando casta / basta casta / basta! //RIT // Criscì nna sta Società / sempre con onestà / la strada che ho intrapreso non è vita da champagne / ho impresso fisso in testa / è question’ i volontà / l’onore ha scritto un codice e la storia ha fatto il resto / umiltà senza pretese che accompagna ogni mio gesto / di getto la mia penna fende pagine / mi porti sopra un palco che non ho niente da vendere / escogito / rigurgito / sancisco da che pulpito / mi trovi qui al mio solito / che smonto e che rimonto tutto ciò che sento solido / lo show continua sempre tieni a mente esplode giù dal ventre e ti coinvolge / ribelle per la strada tra le ombre //RIT//

TERRA CA NUN SENTI

LEGGI IL TESTO
Triangolo di terra ferma / bagnata dal mare / essenza dal sapore dolce come il sale / io vivo intriso da ogni tuo profumo / mi nutro col sapore acerbo di ogni frutto dato in dono. Hai regalato campi a chi / bramando gloria e trono / ha commesso abusi accompagnati da un condono. Ho estratto rabbia da una rosa che tu hai plasmato / lei mi ricorda sempre ca sì terra ca nun senti. Non vuoi capire c’à reagire / non ti avvilire / rimettiti in piedi / cancella i tuoi credi / apri gli occhi e poi vedi che forza possiedi. Comincia a freddare il corrotto e l’infame / bugiardi e assassini / tu / ora a spezzare si minchia ri catini. // Ti farò scoprire dove ti porta il niente / parli col sordo ma lui non ti sente / tu non fai niente e avrai… Ti farò capire che non servirà a niente nascondersi dietro le tue bugie / ti dimostrerò che dipende solo da te // Rintra storie ca ti cuntu / truovi sordi can un cuntu / truovi l’afa ri stu tiempu sutta cieli rurru sancu / nta n’munnu viecciu e stancu ppi spugghiarisi ro scantu / truovi n’mari ri incantu e o sciancu n’mari i cimientu. Ci criri a stentu e teni na cruci o cantu e paja / tutto senza scuntu e metti oru supra n’santu. Crisciuti a babele ma tutti cco stissu accentu siemu / i culuri diversi ma tutti ro stissu stampo. Risplendi isola/ illumina questa strada / la storia perde smalto e siemu ghia a fini iurnata / riecheggia la tua anima patteggia col demonio / sorveglia i nostri sogni anche se adesso è tutto chiaro. Risplendi isola / illumina questa strada / nel vuoto che si moltiplica tu sei l'unica via d'uscita. Risplendi isola / illumina queste vite / la musica le precede. // RIT// Tra l’insistente soffio del vento / memorie di sangue sevizie e sgomento fa sciogliere il tempo / il tuo calore immenso / mi invade l’intenso profumo di mare dal labirinto da cui non so più uscire. Vigila l’anima / crisci u valuri / non puoi capire se porti rancore / da dietro le sbarre / non ti sai spiegare / cadono lacrime. //RIT//.

CHIDDU CA SI RICI

(FEAT. LELLO ANALFINO)

LEGGI IL TESTO
Sienti buonu chiddu ca si rici / rispettu pà terra / pà musica e radici / diffida sempri ra televisione cà sulu nà to testa c’è la vera ragione. Sientimi sientimi sientimi rapi i uricci. Chiddu ca si rici supra e mà radici / luoghi comuni e poca ragione / iu diffidu sempri / piensu cà ma menti / ragghiunu lentamenti e beatu cu mi senti. Beatu cu mi senti e cu nun è indifferente / nun cala a testa a ‘ghienti / combatte u prepotente / affronta la vita meta dopo meta segue giusta strada / la cultura dilaga. Sientimi sientimi sientimi rapi i uricci / Sientimi sientimi sientimi ca prima ti spicci / Sientimi sientimi sientimi rapi i uricci / Sientimi sientimi sientimi ca prima ti spicci. Sienti a sofferenza, ribellione e siemu tanti / stanchi ro putiri e l'oppressione re potenti / ca ni fanu parri mafiusi e delinquenti / ca ni fanu crirri ca nun si po fari nenti / vivu sta canzuni e scrivu l'ecu re muntagni / stancu re parrini e re squali politicanti / nati in fondo a sud, ri sururi assai culanti / nati cunnannati ma mai cumannati. // My roots will come come on my way / your roots will follow follow you anywhere / our roots they grow grow here to stay whatever you will do or say / my roots will come come on my way / your root will follow follow you anywhere / our roots they grow grow here to stay whatever you will do or say // Canto le gesta di un tizio con le sue confusioni / mentre fa a pugni con tutte le sue contraddizioni / credenze irrazionali contro antiche sensazioni / finisce a troppe teorie e poche reazioni ma / c’ha la sua ragione e in più… mille ragioni per / disimparare le superstizioni e… puoi c’è na storia ca parti ri na terra luntana / e parra ri na razza ca si fa ciamari umana / saldau radici e crisciu nta na terra ricca e sana / e maturau ccu paroli ca a purtarru luntana / chisti su storie ca forse canusci a malapena.. a prima è scritta nno sancu a secunna è quotidiana // RIT // Picciotti picciottazzi e picciliddi / aviti u fuocu dintra li capiddi / aviti di capiri lu presenti / ma nun pinsati a nenti / li vuci di la genti. Picchi lu munnu è subitu e la strata è stretta e lonca / picchi la cira squaglia puru quannu si vagnano i sogni sono bisogni / tengo lontano dagli occhi quei brutti pensieri / che il mio domani sia un po’ più chiaro / che il mio domani non sia come ieri. Sentimi sentimi rapi l’aricchi. // RIT //

time flies away

LEGGI IL TESTO
Scurri u tiempu / scurri nò silenzio / scurri e nun ritorna mai. Scurri u tiempu / scurri nò silenzio / scurri scurri e già scurau. Anticipiamo il futuro un pò troppo presto come se per arrivare andasse a rilento / e rievochiamo il passato come se questo l'avessimo a malapena vissuto a stento. E lascia che il tuo futuro faccia il suo corso / non camminare tenendo il passato accanto / prova a tenere un pò il tempo al suo posto / prova a tenere il tempo e restare pronto. Scivolo tiepido nel tempo liquido del mio secolo ed è un miracolo se / ti sembro timido è solo perché il mondo dove vivo è alessitimico ma / non sento la sveglia che grida / la folla che mi da consigli sul nuovo messia / Io aspetto incrociando le dita e brindando alla vita e morendo con filosofia. // Time flies away and you better wake up / this is what i’m saying and i’ll never give up //. Comu ri di iurnati ca nun agghiorna mai / quando finisce la rabbia non hai più tempo per tirarti via dai guai. Anima sbogghia / anima in gabbia / goccia dopo goccia tutto scorre e non ritorna. Credo all'alternativa che ha regalato alla mia esistenza / il tempo ha suggerito litri di liriche per esistenza. Iemu pianu / versu sira / mentri / u cielu annivirica. Vola la vita e non ti spiega / a gghienti si sbriga / curri senza aria col nodo alla gola. Scurri stu tiempu / crea scompiglio complice di ogni tuo sbaglio / a volte l’unico appiglio per tagliare un traguardo. Dall’alba al tramonto, al giorno della scoperta / “Maledetta vita che va in fretta” / musica maistru “è la vendetta”. //RIT // Fermati ora e dimmi con quale tempo tu ti confronti / un solo attimo può essere lungo almeno un’ora o meno di un secondo / forse il futuro è già passato / preso da se stesso rincorrerà il domani / cercando un nuovo appiglio prima di essere condannato da un semplice punto di vista che lo vede superato. Tic toc tic dell’orologio combatte solenne / senza armistizio / esente da ozio è bravo a scavare rughe nel volto. Cheek to cheek l’oggi ed il domani / sempre più uniti / meta su meta / ti donan saggezza e ti tolgono vita. Scurri stu tiempu “scurri” / ossessionato dal prossimo evento scurri stu tiempu “scurri”. //RIT //.

Anime animali

LEGGI IL TESTO

Siamo anime animali con le ali / voliamo per percorsi informali preferenziali / coi sensi primitivi e con lo spirito dei risorgimentali ti parliamo con ampi movimenti delle mani. Nome d’istituzione k12 a mo casa produzione / ti offre una soluzione per la tua rivoluzione / abbiamo un antica pulsione / dentro atti di volizione / fatti con educazione / come nerd senza occhiali più la verve dei meridionali / siamo anime animali con ottime credenziali / solo cio che ti coltivi senza aggiunta di additivi onorati con il boh! e 12 punti esclamativi. Produciamo signori rumori / nella tasca note e fiori sulla lingua niente peli / niente effetti collaterali / abbiamo grandi potenziali noi… siamo anime animali. // Cirveda a propulsione / sempri fermi a cantunera / armali ri catina / senza testa e senza cura. Aviemu a testa rura pi questioni ri cultura / l’orgoglio nelle vene in noi sempre scorrerà. Dirai povero me / ma io non ti dirò come si fa. // Consumatori di ettari di fiori / noi / vagabondi dai cuori viaggiatori e sognatori / senza contare quello che tu puoi trovare se provi ad immergerti in un nostro testo / di botto / ti troverai immerso da metriche ad un passo dal collasso. Se cerchi il posto giusto l’hai trovato / adesso lascia spazio solo al divertimento / fai sì che questo posto diventi l’epicentro di un terremoto / questo è lo scopo / mettere in moto chi questa cultura non ha mai amato. Minchia lo so quale sarà il risultato / me l’ha dettato il fato in un sogno inconsueto dove tutto il mondo era preso / da questo ritmo pompato in angolo di strada. Onorata società dilaga i propri suoni / non più normali / siamo….. Ho cominciato mangiando nastri in posti guasti divorando tesi opposti ai canoni imposti dalle teste poste ai pannelli di controllo. Io non mollo e metto in ballo le mie doti musicali. Animali rari senza pari / per le coltivazioni letali delle anime animali senza pari / per la ganja / la cantina e per i suoi lavori….ANIMALI! //RIT// Capi pregiati / animi impegnati / amore è sulu uno e vi purtati tumpulati. Tra i conigli e tra i serpenti sento sibili o consensi / abbiamo tempi da Amanuensi e sappiamo come la pensi / abbiamo esempi ricorrenti scritti da più di dieci anni / sappiamo come la pensi perciò ci guardi come quelli / sappiamo che ci pensi e che ti tocchi mentre guardi Candy Candy. Fai due conti o ti incanti / menti e infliggi ai miei orecchi i tuoi ricordi / i tuoi ricordi / e poi ti perdi. Anime animali / eterna fratellanza e patti chiari / libera la mia anima la smania di sentirla libera è una mania che lievita / dentro di me si esercita / diventa luci e musica / musica ro suli ri tuttu u munnu prutitturi / luci e musica / musica che illumina / paci na metrica uci ca comunica realtà e dialettica ri na terra arida / forma sintetica / lusso che predomina / vita e morte che l’ignoranza predica / musica e luci / immagini di croci / croci di sterminio croci in condominio / croci di un cammino che non fa sconti a nessuno. //RIT //

VI canto

LEGGI IL TESTO

Sai penso poco conta un’idea / anche se sana / se chi guida la baracca è un truffatore e una puttana. Non è la fuga dei cervelli dall’italia che sconvolge i piani / ma la fuga del cervello dalla testa degli italiani. Che poi pare che il fare richiede soltanto subire o patteggiare / col prosciutto negli occhi tra veline e balocchi poi ti fai sodomizzare. Basta sanremo e ti siedi in poltrona / italia caprona si sveste e poi intona diritti del popolo / ma bada ben che non corrodano averi o voleri dei padroni banchieri / non agisci e poi speri che la nazionale / si / la nazionale / faccia il miracolo. E nonostante l’inganno fa male metti la X sui loro nomi nella cabina elettorale. // Ahi serva Italia / di dolore ostello / nave senza nocchiere in gran tempesta / non donna di province ma… // Pietà / Italia non c'é amore / fatta e viziata senza valore / nei tuoi ricordi c'é tanta paura / nei tuoi ritratti di serva sincera. Ti cerco Italia ma non ti trovo / senza un sentiero o un lavoro sicuro / sai gli occhi tuoi non dicono il vero negli occhi tuoi si è perso il futuro. Pietà / Italia ti porto rancore / sento il dolore / l'odore dell'odio che brucia la carne se il cuore non sente la voglia che c'é di cambiare / ti vesti di mafia per pregare in chiesa / dov'é la vittoria? sei rimasta schiava / in fondo giovane non sei mai stata. Pietà / Italia senza onore all'orizzonte ti vedo sprofondare. //RIT// Vedo in tv cronaca nera piu tendenze da seguire / a casa neri cronici e tendenza ad ingrassare / proteste in toni contenuti e in più pochi contenuti / intanto i tuoi diritti si trasformano in favori non dovuti / abbiamo / l 'odio del peggior militante e l'amore di dante / siamo desiderantes che guardano a una stella che viaggia verso oriente. E ci spostiamo in trincea / coi motori in avaria / a cercare la cagion ch'el mondo ha fatto reo / abbiamo tutto in un idea e dentro l'anarchia / spie di anomalia / un paese di ruffiani che vomitano arte nel balordo tentativo di restare sani. //RIT //

Melodie etniche

LEGGI IL TESTO

// Melodie etniche / suoni per le strade / di accenti e litanie di una società che scricchiola / a folle velocità / storie di padroni e / di povertà / melodie etniche / suoni per le strade di accenti e litanie di una società che scricchiola / a folle velocità / storie ri patruna e ri povertà // Prendo tempo / perdo tempo / verso questo nuovo mondo. Salgo e scendo da spavento / l’equilibrio non lo tengo / quando estraggo lo sgomento dalle ampolle di cristallo / per mischiare questo e quello / e trovare il verso giusto / tormentati dalla razza / dalla pezzatura esatta / l’odio brucia le radici / se non sciogli la matassa / se non chiedi al tuo cervello / non coincide mai l’anello / non c’è modo a questo mondo / che la pace sia ogni giorno / per ognuno che sta in alto / cento stanno ancora a fondo / per volare ai nostri giorni non distrarti mai un secondo / quando penso, qual è il senso? Di scavare ancora il fondo / se tu credi sia un esempio / noi lo stiamo già vivendo. //RIT // Il gusto di gustare qualcosa che non è / non è convenzionale / intriso d’aromi alla ricerca di costumi che prima o poi assumi / assimili e riassumi / alla geografia le aree qui si parla di volumi / il diverso ti rafforza e ogni frontiera frantumi. Vivacità del tono esaltano l’insolito / bene da tutelare. Oggi si va a SUDare / ESTernare / il piacere che hai provato ad indossare O VESTire l’indigeno costume e in quel momento nella mia mente sopraggiunge il concetto meno abbietto / eliminare pregiudizi non ha prezzo e / coN ORDine letale / ammazza ammazza siemu tutti na razza. Mi rafforza / far apprezzare la coesione / fra le etnie con nessuna selezione di religione / sesso o colore e suscitare emozioni con canzoni / che hanno intrinseca la mera missione: eliminare povertà e padrone. // RIT // E’ universale come musica che suona / scricchiola e corre ma uno poi si ci affeziona / lei mi si abbandona come fosse andata in coma / ma tutto si scorda o se vuoi tutto si perdona / persi in un sorso divino o un dito di vino / sto in storie da omonimi omini di un condominio / c'è un arlecchino in fondo che fa l'occhiolino ed è / è universale come gli occhi di caino // RIT //

Amigdala

LEGGI IL TESTO

Sembra che tutto resti come fosse sempre in bilico / a cavallo tra quello che chiami assurdo e logico / tra il digitale e l'analogico / perso il controllo tra la cultura e il biologico. Paradossale come un'anima animale prefrontale io / resto da solo così da evitare metri per definire il normale / ma adoro stare con voi per recitare in questo rituale / ci scambiamo ingredienti tipo parole / ci cuciniamo pozioni di chimica cerebrale / ma più vado avanti più il mio viaggio è regressivo / ed è mentre cercavo un motivo che disegnavo un motivo e adesso la mia mappa è un algoritmo ricorsivo / ma in fondo abbiamo scampo se anche il tempo è relativo. // C’è qualcosa che non va / o è la mia testa che non dà segni di lucidità / ma la rabbia a volte fa da padrona nella vita. // Prigione di rabbia mi cambia / vedo tutto buio e la mia bocca ormai non parla / rancore / che mi ha infranto e non sento più ragioni / motori in questi giorni di dolore e frustrazioni. Aria densa in questa strana stanza / non c'è una ricompensa per questa mia esistenza / colma d’ansia la testa più non pensa / ho perso la pazienza. Futili parole hanno perso la speranza / futili parole hanno perso la speranza. Crisi maniacali pressano il lato sbagliato / mi organizzano i pensieri nonostante il risultato / trovo pace / solo con la Dea dell’utopia / mi fa inseguire i sogni e la mia mente crea. Qualcosa che non va nella mia testa ed è costante la danza degli infami sul mio ventre mentre / come Dog / indago l’incubo mio più profondo / autocontrollo mi ripeto e sfogo cantando. //RIT // Ti accorgi oppure no che giorni vivi / ti muovono come i fili o nell'ombra lame affili / non ti accorgi di che vivi o non ci credi / che siamo la munnizza che sta sopra i marciapiedi. Cresce l'intuito di vita sintetica / crea la patetica coltre mediatica. Fili su fili si intrecciano fragili / creano legami fugaci e instabili / vili famelici trafugano farmaci per pallide facce che osservano gli argini. Fili si affollano intorno alla gola / costringono l'aria alla morte sicura. //RIT //

C'è poco da ridere

LEGGI IL TESTO

2013, corsia d'emergenza, bancarotta / la gente se ha paura chiama striscia la notizia / razioni avvelenate che alimentano il motore / collera e ossessione per la fame di potere. Babilonia inesorabile attaccata al nervosismo / cospirano copiosi si impossessano del tempo / razioni avvelenate e dedizioni alla censura non trapela mai la trama / non respiro. Sole che spunta e annuncia dittatura / musica spenta resta solo la paura / notte che torna e brilla sopra gli assassini e tra le ombre i fantasmi dei tuoi cari. Ansia senza ragghiuni e strage ri famigghi intere / luccichio che rende ciechi / crea schiavi per gli sprechi / la G come Giummarra l’intenzione / restare per resistere e riflettere che c’è poco da ridere. Per chi impreca e mai si umilia si consolida ca storia / morte della repressione combattuta nna Sicilia / suli e senza aiuto senza santi in paradiso è sulu puisu / suli senza aiuto. So che c’è poco da ridere anche se non ci voglio credere / penso che non si può abbattere anche se continuo a insistere / in modo che si possa ledere “almeno in parte cominci a cedere / spingo forte / voglio distruggere” il muro dell’indifferenza che influenza la coscienza. Le risate calano mentre i buffoni aumentano / c’è poco silenzio ma le parole scemano / resto apartitico di ispirazione apolide / aspirazioni solide / forgiate concepite sotto un unico nome: “nonmifacciofottere” all’anagrafe Simone. E non mi garba molto la tragedia dei clown / Mentre cresce in me l’attesa dello showdown. In cielo una bandiera che non tira / in tasca un accendino che mi ispira / gira luna nera / Paolo Cultrera nel tempo della muta / una penna indemoniata in una vita dissoluta / una verità scaduta / una morale che sputa / per levare il cerone da facce e moralismi e dopo fare sesso con i vostri inestetismi ed i miei paradossi danno calci in culo ai loro sillogismi e allora: fumo / esco e porto a spasso i miei fantasmi / poco da ridere se tutto intorno è correre / comprare vincere / dentro un illusorio scegliere tra vane chiacchiere / che mi racconta di chi è a caccia di certezze dove nulla è definito / di chi brucia un altro ora e persegue l'infinito.

Il Sultano di Arusha

(FEAT. Gianni Rosso)

LEGGI IL TESTO

Ci muoviamo / come ombre sul sangue / l'esercito avanza / raggiunge le nostre coscienze / soli / obbligati alla guerra / soli dentro una selva / un sogno una nuova esistenza / disegna il tragitto di un treno / che non fa più fermate / ed ha lasciato morire un guerriero / un colpo letale / al suo corpo mortale / non trafigge il pensiero che ha spodestato il sultano // Non abbiamo più scelta, dobbiamo vivere liberi o morire per la libertà / Noi gridiamo vendetta / dobbiamo vivere liberi o morire per la libertà / Non abbiamo più scelta / dobbiamo vivere liberi o morire per la libertà / Noi gridiamo vendetta / dobbiamo vivere liberi o morire per la libertà // Papà cercava tra le terre rosse di Arusha / l'amore per la scienza e la caparbia che combattono l'angoscia / nei momenti più difficili / coi conti che non tornano di quei giorni sterili/ mia madre mi lasciò a 10 anni per non ritornare più / prima di andare colorò di rosso la mia anima blu / e ogni mattina in miniera cercavo ciò che il cielo si era riportato su / e la miniera era profonda ma dovevo andare ancora un pò più giù e picchiare un pò più forte /coprirmi con coperte un pò più corte/ combattere l'amore che è più freddo della morte / quando un macigno in tanzanite fece scacco alla mia sorte / trovai una gemma che ci fece fare grana e fama / la mia famiglia rispettata e la dispensa piena / ed è così che incoronato dal suo sogno e la mente serena / mio padre un giorno decide di abbandonare la vita terrena / dalla miniera ritornai / solo come mai / muoio e rinasco con il nome di Tango Masai. // RIT // La vita è un rischio ed io non faccio che viverla / sguaino la sciabola anche a rischio di perderla / ho blu l’infanzia / rossa l’adolescenza / nera la vecchiaia quando arriverà la morte ma / oggi splende il sole sulla mia sorte. Tabora è libera / Tabora è libera / non c’è l’ombra dell’impero ed il sultano si è messo da parte / da parte a parte la gente vaneggia / ha il fuoco dentro quell’uomo che porta la pioggia / e sono io / e forse compirò la missione / non amo quando nella battaglia si alza il fragore / non amo il sangue non amo la morte / bianco ribelle per la libertà combatte. In prima linea tra i guerrieri rossi cercami / sono il cantore / l’alfiere / Tango Masai chiamami. Attraverso il Serengeti fino a Tabora / non basta più la parola / sfido la furia degli elementi fino a raggiungere la mia ora. //RIT // Ho visto danzare i masai / le facce dipinte ruggire come leoni davanti al cuore di tenebra / dell’uomo bianco. L’africa è madre e da la vita / l’africa è un albero che non si piega / ed io rimango qui a perdermi / nel vortice / di un tango Masai.

Tresettembreduemilaundici

Tresettembre
duemilaundici

LEGGI IL TESTO

Racconterò / una storia di menzogne che diffonde briciole di gioia che al rancore si confonde / il nostre eroe si trova con le spalle al paradiso ma demoni e forconi graffiano il suo viso / non si accontenta di parole lui quel giorno vuole tutto / lui quel giorno vuole tutto ed in primis il rispetto / ma lui non usa armi ed è contro la violenza poi fa diecimila errori ma ha con lui la coerenza. Di fatto lui quel giorno ritorna su i suoi passi incauto e deciso sputa rabbia ai satanassi / da qui solo l’epilogo di tutta la giornata il male non usa parole come il nostre eroe di strada / solo per insultare apre la sua sporca fogna poi solo violenza anche se getta la spugna / lobotomizzato esegue ciò che ha imparato nato soldato del bene ma ingordo di reato // Ridicoli / tutti prigionieri del concime del potere / ride così / alimenta solo odio questo avrà per risultato / ridicoli / quando ostentano concetti da ignoranti maledetti / ridico si / ho bisogno di lottare l’ingiustizia perirà // Il nostro eroe a questo punto della storia si risveglia in mezzo ai demoni nella lurida dimora / ma il diavolo si sa che per natura è tentatore ed il nostro eroe distrutto farà a pugni col suo onore / spogliato deriso rinchiuso all’improvviso / il sole sembra spegnersi / il cibo è inacidito / fantasmi che si alternano le ore ormai si perdono / aria vuole aria / cerca aria serve aria / ha paura / trova solo quattro mura / aria vuole aria / cerca aria serve luce / senta la fatica di chi grida senza voce. Spogliato deriso rinchiuso all’improvviso / il vuoto sembra spandersi / il volto è impaurito / fantasmi che si alternano le ore ormai si perdono / aria vuole aria / cerca aria serve aria / ha paura / trova solo quattro mura / aria vuole aria / cerca aria serve luce / senta la fatica di chi grida senza voce. I killer sono tanti i veri delinquenti / tanti sono i maligni / cronisti e malpensanti / il corpo ancora caldo / continua a subire / solo pochi amici dividono il dolore / due stelle ora piangono / lo fissano e imprecano / il dio della giustizia / nel corpo la cresta abbassano / ma il movimento causa / un energia diffusa / di colpo gli occhi aperti / e ogni ingiustizia è elusa // RIT // Il risveglio è lento e duro ma fortifica l’eroe / le lacrime del demone confermano più che mai che il male ha fatto male / senza se e senza ma / dannato maledetto soffrirà senza pietà. Il paladino ora cerca il proprio accampamento / per leccarsi le ferite prima che abbia compimento la vendetta tanto attesa condivisa e mai uccisa / la vendetta tanto attesa è decisa! Ma il nostro eroe / conferma la sua natura / non usa mai bastoni e sa sfogare la sua furia / la troverete tra le riga di questa canzone / non scorgerete abusi ma solo il peso delle parole! quando ti senti morto per una ferita al cuore / l’orgoglio è sotto i piedi e sei accecato dal rancore / ricorda / al cuor non si comanda nè tantomeno al fato. Signori / queste sono cronache di una fiaba e di un reale eroe / RINATO!