L'anima animale

TRACKLIST

Randagi
PLAY
Maluversu
PLAY
Bisogno necessario
PLAY
Senza confini
PLAY
Nuovi eroi
PLAY
Giungla
PLAY
Il cuore di Andrea
PLAY
Felicemente social
PLAY

Randagi

LEGGI IL TESTO

Occhi attenti e con i sensi sempre allerta / fiutiamo problemi prima che tu te ne accorga. /Abbiamo scelto vita libera nonostante il rischio,/e preferiamo, azzannarla ogni giorno /invece di viverne una sicura con il cappio al collo./Crediamo che Dio, sia l’organo che pulsa sangue/dalla gabbia toracica a tutto il corpo,/e grazie a lui che ponderiamo scelte./Mostriamo i denti se ci metti alle corde/siamo una moltitudine /pronti a diventare una singola essenza/chiamalo branco per noi è solo coerenza.//CI TROVERAI IN GIRO PER LE STRADE AD INSEGUIRE SOGNI E GUAI /ANIMALI SOCIALI COESI IN UN BRANCO CHE NON SI FERMA MAI//Nati predatori non ci illudiamo con le carezze,/specchietti per le allodole e adulazioni,/preferiamo i fatti e abbiamo il dono della calma/mirare dritto all’obiettivo è la nostra arma. /Se qualcosa che non va per il verso giusto/ci reinventiamo, teniamo alta la resilienza/l’anima è animale e come tale è la coscienza./Adattati alla società grazie all’intelletto/dateci una causa e vi sciocchiamo con l’effetto./Liberi di scegliere il nostro cammino,/liberi di sbagliare, siamo:/uno nessuno e centomila e non ci puoi fermare.//CI TROVERAI IN GIRO PER LE STRADE AD INSEGUIRE SOGNI E GUAI /ANIMALI SOCIALI COESI IN UN BRANCO CHE NON SI FERMA MAI/Noi non vogliamo padroni/né schiavi né religioni/Noi dando fiato ai polmoni/facciamo le rivoluzioni/Noi non vogliamo padroni/né schiavi né religioni/Noi dando fiato ai polmoni/facciamo le rivoluzioni//CI TROVERAI IN GIRO PER LE STRADE AD INSEGUIRE SOGNI E GUAI/ANIMALI SOCIALI COESI IN UN BRANCO CHE NON SI FERMA MAI

Maluversu

LEGGI IL TESTO

MI SEMBRA TUTTO CHIARO CHE LA DIREZIONE NO, /NON HA PRESO IL VERSO GIUSTO E NON DITEMI DI NO./QUESTA FAME D’ORO CHE PORTA SOLO AVIDITÀ/SERVE CAMBIARE ROTTA VERSO UN’ALTRA IDENTITÀ./Ed in frigo alleviamo batteri, i dottori saranno ingegneri,/i riflessi del sole di giorno saranno più lievi ed i cieli di notte saranno più neri./Gratterai con la droga i confini all’estremo di tutti i piaceri/E annoiati riflessi di ieri, i pensieri, saranno filtrati da supporti medici, /teneri e asettici alla carne allergici./MI SEMBRA TUTTO CHIARO CHE LA DIREZIONE NO, /NON HA PRESO IL VERSO GIUSTO E NON DITEMI DI NO./QUESTA FAME D’ORO CHE PORTA SOLO AVIDITÀ/SERVE CAMBIARE ROTTA VERSO UN’ALTRA IDENTITÀ./Leggiamo le emozioni col termometro da quando abbiamo ucciso i sentimenti./Simili, come il risultato degli stessi calcoli./Con l’arroganza dei piccoli pisciamo in vicoli, smussiamo gli angoli,/sfidiamo impavidi branchi di demoni con l’illusione di essere unici/MI SEMBRA TUTTO CHIARO CHE LA DIREZIONE NO, /NON HA PRESO IL VERSO GIUSTO E NON DITEMI DI NO./QUESTA FAME D’ORO CHE PORTA SOLO AVIDITÀ/SERVE CAMBIARE ROTTA VERSO UN’ALTRA IDENTITÀ./Tutto quello che andato perduto no non si recupera, /tutto quello che promette il progresso non sempre è verità./L’umiltà è diventata retrò, /con un click ti seduco e ti avrò,/diminuisce la distanza, però viviamo soli e chiusi in una stanza./Vivo i tempi in cui tutto è in vetrina, /celando il vuoto che c’è in ogni persona. /Il nostro food sarà sempre più fast,/c’è monopolio nonostante l’antitrust./Ogni giorno nascono geni /ciononostante aumentano i problemi,/veleni e inquinamenti ci uccidono/la malattia arriva dopo l’antidoto.

Bisogno necessario

LEGGI IL TESTO

 

/Mi sto chiedendo ancora il senso della musica,/cercando nella mente ho visto una ragione,/le note e le parole mi toccano nel cuore, /la musica è la scienza che esprime l'emozione.  /Vibrazione  unica che ti potrà portare/nel posto piu felice e ti fara ballare, /con lei, e dopo ti libererai./Ti può lasciare il segno e senti un brivido dentro/dimenticando tutto aspetterai il tuo momento, /avrai, la tua risposta avrai.//QUELLO CHE STO PROVANDO PER LEI E’ UN BISOGNO NECESSARIO/ASCOLTA E APRI IL TUO CUORE PER LEI E’ UN BISOGNO NECESSARIO. //Sentirai l’odore di oro e di diamanti, /di poveri e di ricchi, poeti e mendicanti,/ci puoi trovare dentro anche un storia vera,/rivoluzioni, sangue d’onore e di galera./Vibrazione  unica che ti potrà portare/nel posto piu felice e ti fara ballare, /con lei, e dopo ti libererai./Ti può lasciare il segno e senti un brivido dentro/dimenticando tutto aspetterai il tuo momento,/avrai, la tua risposta avrai.//QUELLO CHE STO PROVANDO PER LEI E’ UN BISOGNO NECESSARIO/ASCOLTA E APRI IL TUO CUORE PER LEI E’ UN BISOGNO NECESSARIO. /

Senza confini

LEGGI IL TESTO

 //Ogni giorno penso che sfidare il mare per la vita e il mio futuro,/ad essere sincero, preferirei/restare a casa  che  una vita da straniero. /Un tempo era così, salivi su una nave i primi sforzi per parlare un po' di “inglish”,/l'America era lì, la forza e la speranza di cercare il “bisiniss” /LIBERI SAREMO LIBERI SENZA CONFINI NOI BUGIARDI ED EROI/RESTERA' SOLO IL CORAGGIO DI ESSERE LIBERI OVUNQUE SI VA /Adesso guardami nella spiaggia in cui fai il bagno e stai lì, /ad osservarmi a tutto tondo, ho solo tre anni e sto colando a fondo,/questo è l'oblio che sta divorando il mondo./La guerra fa così toglie l'anima e i sogni e ti porta via da qui./Un’altra vita persa, in una storia arsa dal fuoco che ci brucia, ma torneremo/LIBERI SAREMO LIBERI SENZA CONFINI NOI BUGIARDI ED EROI/RESTERA' SOLO IL CORAGGIO DI ESSERE LIBERI OVUNQUE SI VA /Siamo la stessa razza dentro la stessa barca che non arriverà/lontano se non mi stai vicino e stringi la mia mano. La forza che mi hai dato, ora mi hai liberato dalle catene e canto, mentre raggiungo il fondo/ripenso alla mia terra, al male ed alla guerra che adesso mi rincorre tra il mare e le sue onde./Adesso sento che le onde del destino mi allontanano da te, /eppure sono a viva la riva si avvicina e sono ancora parte della storia che continua. //LIBERI SAREMO LIBERI SENZA CONFINI NOI BUGIARDI ED EROI/RESTERA' SOLO IL CORAGGIO DI ESSERE LIBERI OVUNQUE SI VA //

Nuovi eroi

(FEAT. LELLO ANALFINO)

LEGGI IL TESTO

No che non c’è terra non invasa da una mafia / sempre in prima linea per tagliare le catene / troppa gente sembra non accorgersi di nulla / intanto il tempo passa e il mondo va in rovina / qualcuno nei giornali spaccia solo spazzatura / si tappano le orecchie se gli parli di cultura / anche questa volta ci si inventerà qualcosa / e parte una rivolta dalla piccola Ragusa // I NUOVI EROI SONO PERSONE NORMALI / CHE VIVONO OGNI GIORNO E CHE SI SPORCANO LE MANI / I NOSTRI EROI SONO PERSONE NORMALI / DAI PICCOLI GESTI NASCONO RIVOLUZIONI // Quanti bei sorrisi dentro a giacche luccicanti / tutti quanti in tiro sempre in cerca di consensi / uno non lo vedi l’altro non lo senti / siamo troppi i topi nella tana dei serpenti / tutto cade a pezzi mentre ci guardiamo intorno / tutto ha da cambiare purché tutto resti uguale / classe di minchie mosce che lambiscono il potere / di mosche avide e marcie che ti vendono paure // I NUOVI EROI SONO PERSONE NORMALI / CHE VIVONO OGNI GIORNO E CHE SI SPORCANO LE MANI / I NOSTRI EROI SONO PERSONE NORMALI / DAI PICCOLI GESTI NASCONO RIVOLUZIONI// non ci scorderemo il sacrifico di chi è morto / che ha lasciato il segno e quell’orgoglio di esser parte / di una società che non si piega ma combatte / cambieremo il vento senza cambiare porto / tutti siamo giudice / operaio / sbirro / imprenditore / tutti come uno uniti contro il malaffare / tutti come uno tutti uniti contro il male / questo è il nostro futuro / la legge e l’avvenire // I NUOVI EROI SONO PERSONE NORMALI / CHE VIVONO OGNI GIORNO E CHE SI SPORCANO LE MANI / I NOSTRI EROI SONO PERSONE NORMALI / DAI PICCOLI GESTI NASCONO RIVOLUZIONI // Tutti quanti attenti a quello che è legalità / tutti belli assolti se si parla di antimafia / tutti quanti fieri della tua moralità / ma la vera lotta nasce dalla semplice onestà // I NUOVI EROI SONO PERSONE NORMALI / CHE VIVONO OGNI GIORNO E CHE SI SPORCANO LE MANI / I NOSTRI EROI SONO PERSONE NORMALI / DAI PICCOLI GESTI NASCONO RIVOLUZIONI //

GIUNGLA

LEGGI IL TESTO

Forse non è più possibile sovvertire l’ordine / di simboli assoluti di bellezza ed abbondanza / di un villaggio globale che vive all’ombra della corruzione / senza una ragione / Sai perché? / La mano invisibile del dio della new economy / che stringe il cappio al collo a tutti gli uomini / e con la paura tiene a bada tutti i popoli / produce prototipi di vizi a prezzi modici / l’oggetto è il desiderio che fa sentire unici / stimola pulsioni criminali verso uomini e animali // SE VUOI UN CONSIGLIO ADESSO PERCHÉ NIENTE APPARE LOGICO / NON FARTI PRENDERE DAL PANICO NON FARTI PRENDERE DAL PANICO // Non è più pensabile trovare un punto fermo nel disordine / ma la voglia di reagire ci permette di resistere / per lasciarti una canzone allo scopo di riflettere: / non smettere di essere ciò che sei. / Anche quando ti diranno di mollare / soddisfa il tuo bisogno di pensare / leggi nella tua testa e puoi trovare / la ragione più onesta in questa giungla di emozioni artificiali / dove niente sembra fatto per passione. / Non permettere a nessuno di impedirti di volare // SE VUOI UN CONSIGLIO ADESSO PERCHÉ NIENTE APPARE LOGICO / NON FARTI PRENDERE DAL PANICO NON FARTI PRENDERE DAL PANICO //

Il cuore di Andrea

LEGGI IL TESTO

Andrea una volta aveva un cuore/grande, pulito e rosso di colore/Andrea aveva un suo problema esistenziale/Lui non provava amore per le cose, per la gente,/amava godere./Quando gli chiedevi come stai/rispondeva sempre “bene”./Pensava “in fondo mi conviene,/volo leggero sulle cose che consumo”/anche se avere tutti equivale un po’/a non aver nessuno./ANDREA ANNAFFIAVA OGNI MATTINA IL SUO NARCISO, /SU UNA FINESTRA DI UN APPARTAMENTO GRIGIO/DOVE IL SOLE BATTE SOLO SE HA DECISO /CHE QUELL’INFERNO PUÒ SEMBRARE IL PARADISO /Andrea una volta aveva un cuore/caldo di equatore,/freddo come carne del congelatore/a volte senza un freno inibitore/che come un dittatore/lo costringeva ad un vita di insoddisfazione./Oggi Andrea lavora sul suo nuovo cuore,/gli ho chiesto “come stai?”/e mi ha risposto di star male/ma questo è un bene forse è tempo di cambiare./Ma questo è un bene perché è tempo di cambiare./ANDREA ANNAFFIAVA OGNI MATTINA IL SUO NARCISO, /SU UNA FINESTRA DI UN APPARTAMENTO GRIGIO/DOVE IL SOLE BATTE SOLO SE HA DECISO/CHE QUELL’INFERNO PUÒ SEMBRARE IL PARADISO /“Io vengo da un altro mondo, da un altro quartiere, da un'altra solitudine. Oggi come oggi, mi creo delle scorciatoie. Io non sono più dei vostri. Aspetto dei mutanti; biologicamente me la cavo con l'idea che mi sono fatto della biologia: piscio; eiaculo; piango.”/ANDREA ANNAFFIAVA OGNI MATTINA IL SUO NARCISO, /SU UNA FINESTRA DI UN APPARTAMENTO GRIGIO/DOVE IL SOLE BATTE SOLO SE HA DECISO /CHE QUELL’INFERNO PUÒ SEMBRARE IL PARADISO

Felicemente social

LEGGI IL TESTO

//Lunedì mattina la routine sempre la stessa,/non faccio colazione ma controllo la posta, si illumina l’Iphone, è meglio del sole,/ho la foto col quel tipo ma non ricordo il nome./Volteggio sopra i social sono molto conosciuta,/tra tutte le mie amiche sono quella più cliccata/è un duro lavoro ma per questo sono nata/tra selfie, tanti post e per il fine settimana./SENTO CHE HO UNA DIPENDENZA CHE OGNI GIORNO MI INFLUENZA /LA MIA VITA MI STUPISCE VIVO SOLO TRA SMART E STRISCE/Quindici e trenta, autolavaggio sotto casa,/poi di corsa al centro per una depilata,/tappa fissa al bar, la solita manfrina,/in cerca di/una cura con la giusta medicina./Stasera sono certo che incontrerò la tipa/è tra i miei contatti da una settimana,/ho messo dieci like e analizzato il suo profilo/neanche a scuola ho letto tanto, ne sono sicuro./SENTO CHE HO UNA DIPENDENZA CHE OGNI GIORNO MI INFLUENZA /LA MIA VITA MI STUPISCE VIVO SOLO TRA SMART E STRISCE/Camicia ben stirata, barba fatta, risvoltini,/il giro dei locali tra Spritz e cicchettini,/pettorali in evidenza è il momento di agire/braccio sul bancone e inizio a disquisire./Accenno temi caldi si comincia a interagire,/passa poco tempo e non so più che minchia dire,/è la tattica imparata col video sul tutorial,/ritorno a casa solo ma felicemente social./SENTO CHE HO UNA DIPENDENZA CHE OGNI GIORNO MI INFLUENZA /LA MIA VITA MI STUPISCE VIVO SOLO TRA SMART E STRISCE//